News

Domenica di rigori negati, disagi e CENTINAIA DI MULTE. Ride solo il Comune, Salvemini: "nessuna volontà di fare cassa"

Centinaia di multe sono piovute sui tifosi del Lecce che hanno lasciato l'auto in sosta prima della partita in aree non consentite





LECCE - Centinaia di multe per parcheggio irregolare, in area a rimozione, peggio in zona non consentita per la sosta, su ponti, tangenziali e curve (stradali purtroppo, non dello stadio…).

Domenica al “Via del Mare” è stata una mattanza, una spremuta di sangue, anzi di soldi dei tifosi del Lecce che al fischio finale di Lecce-Monza hanno ritrovato sui parabrezza delle loro auto centinaia di multe tutte per infrazioni nella sosta.

Nelle ultime ore non è passato inosservato il malessere dei vertici societari del Lecce che con Sticchi Damiani hanno parlato di “poca elasticità” dalla Polizia Municipale, invocando alla “collaborazione” senza “mortificare e punire così platealmente i tifosi”.

Parole che non lasciano indifferenti, quelle di Sticchi Damiani, per cui è dovuto scendere in campo il Sindaco di Lecce Carlo Salvemini con una nota ufficiale.

“Non esiste nessuna volontà di fare cassa, men che meno di allontanare i tifosi dallo stadio”, ha spiegato il Sindaco di Lecce, “ma esclusivamente di garantire la sicurezza dei cittadini impedendo la sosta dei veicoli lungo rampe, ponti, punti sensibili della circolazione e della tangenziale”.

Salvemini ha contestualmente lasciato spalancata la porta del dialogo, perchè “c'è la volontà di rivedere i provvedimenti, compatibilmente con il piano per l'ordine e la sicurezza pubblica” che viene applicato in ogni gara interna dei giallorossi. “Proporremo modifiche”, spiega Salvemini, “per rendere più agevole l'accesso delle auto dei tifosi che raggiungono lo stadio dalla Tangenziale”.



Commenti

PAGLIACCIATA MONZA. Berlusconi fa i capricci, "giochiamo male, è meglio se faccio tutto io". STROPPA ESONERATO. Arriva Ranieri?
OUDIN SI PRESENTA: "qui per restare a lungo. Il calcio italiano era il mio sogno. Potrò esprimere la mia tecnica"