DE PICCIOTTO: "SBARCO" DI TRAPANI A UN PASSO: sì all'acquisto del palazzo della Banca d'Italia e al coinvolgimento nel calcio

Giovedì 8 Aprile 2021 | Cosimo Carulli | News

TRAPANI - Renè De Picciotto ha fatto il passo in avanti tanto atteso a Trapani: ha ufficialmente messo nero su bianco la sua proposta di acquisto del palazzo della Banca d'Italia del capoluogo siciliano.

In questo immobile di notevole pregio, sul modello dell'ex Banco di Napoli in pieno centro a Lecce, nascerà una struttura recettiva di lusso, destinata ad un target alto.

De Picciotto ha presentato ufficialmente il progetto di riqualificazione dell'immobile ed ha versato una caparra del 10% del valore dell'intero investimento a titolo di garanzia. Ora attende le prossime mosse del Comune di Trapani e della Sovrintendenza che dovranno cambiare la destinazione d'uso del palazzo e approvare il progetto secondo i vincoli architettonici e paesaggistici vigenti.

In una nota ufficiale De Picciotto ha rimesso anche il calcio nel calderone della sua offerta alla città di Trapani: “rimane confermata la possibilità di dare seguito alla manifestazione di interesse presentata a suo tempo per assumere la proprietà del nuovo Trapani Calcio per cui si attende la pubblicazione del Bando del Comune di Trapani”.

La creazione di una nuova società per far rinascere il calcio granata era proprio una delle condizioni dettate da De Picciotto per investire nel calcio nella città siciliana orfana da un anno della sua storica squadra, sommersa dai debiti e finita a gambe all'aria al Tribunale Fallimentare.

Per De Picciotto non c'erano margini per rilevare inutilmente i debiti della vecchia società calcistica, giustamente dal punto di vista imprenditoriale. La creazione di una “NewCo” potrebbe invece spalancare le porte del suo arrivo sull'isola.

In considerazione della storia e del bacino d'utenza del nuovo eventuale club il Sindaco di Trapani Giacomo Tranchida è certo di poter varare un Bando Comunale per una Serie D in sovrannumero sull'organico del prossimo campionato. Altrimenti la Trapani calcistica dovrà accontentarsi di un “giro” in Eccellenza Sicilia, che con De Picciotto sarebbe davvero di passaggio viste le potenzialità economiche del magnate italo-svizzero azionista di riferimento del Lecce.