Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

RUGGITO LUCIONI: "una sofferenza stare fuori, ora regaliamo una vittoria ai nostri tifosi"

Venerdì 20 Dicembre 2019 | Marco Errico | News

LECCE - Scontata la squalifica a Brescia, Fabio Lucioni è pronto a tornare alla guida della difesa del Lecce per la sfida di domenica prossima al Bologna di Mihajlovic. L'abbiamo intervistato nel cuore di questa settimana importante per i giallorossi.

Sofferenza - "Stare fuori è dura, è davvero una sofferenza, ma saltare una giornata per squalifica è comunque un fatto normale per un difensore centrale. Prima di Brescia non avevo saltato un minuto, e non è la prima volta, anche a Benevento giocavo con grandissima continuità".

Bilancio - "Possiamo ritenerci soddisfatti sino ad ora, perchè oggi saremmo salvi, ma abbiamo davanti tantissima strada davanti. Il primo obiettivo è finire bene il girone d'andata, dare un segnale a questo campionato, dire a tutti che questo Lecce ci può stare".

Arriva Donati - "L'affiatamento con Rossettini migliora di giornata in giornata. E' vero, abbiamo preso tanti gol, dobbiamo crescere in attenzione, concentrazione, nel lavoro settimanale. Ma va detto che abbiamo un gioco che non hanno molte neopromosse, molto d'attacco, con un trequartista e due punte, togliamo molti uomini alla fase difensiva, anche i terzini salgono e lasciano i loro blocchi difensivi. Insomma siamo esposti a più rischi anche perchè proponiamo molto calcio offensivo. Ora è arrivato anche Donati, uno che mi sembra avere la testa giusta, la consapevolezza di doversi sacrificare. Ci attende un girone di ritorno in cui servirà anche lui, ci sarà da dare battaglia".

Bologna - "Ci aspetta una gara fondamentale. Sono forti, costruiti per una tranquillissima salvezza, con un allenatore di carisma, con delle individualità importanti, Palacio che fa ancora la differenza, un gioco corale. Credo che ne verrà fuori una gran bella partita, ma noi dobbiamo vincere nel nostro stadio. E' uno stimolo questo per regalare ai nostri tifosi a Natale ciò che avrebbero meritato da tempo, ossia una vittoria in casa".