Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Come all'andata: Benevento vuol dire rimonta. GOL E SPETTACOLO, ma arriva un punto. LA CRONACA

Sabato 19 Gennaio 2019 | Marco Errico | News

LECCE - Riparte con un pareggio la corsa del Lecce nel girone di ritorno. Coda risponde a Mancosu e la squadra di Liverani deve ingoiare un'altra rimonta dal Benevento dopo quella dell'andata. Non così bruciante come il 3-3 del "Vigorito", ma è comunque un pari che lascia dei rimpianti visto che è stato comunque il Lecce a premere di più ed avere le occasioni migliori per aggiudicarsi l'intera posta in palio.

Approccio questa volta sì - Liverani getta nella mischia subito Tachtsidis, per il resto è la formazione annunciata alla vigilia con Fiamozzi preferito a Lepore a destra. Il Lecce parte subito forte e già dopo due minuti ci vuole un grande intervento di Montipò su tocco di La Mantia da pochi passi. Passano una manciata di secondi e un colpo di testa di Lucioni finisce alto sulla traversa.

Occasioni - Con il passare dei minuti anche il Benevento esce dal guscio e prova ad impensierire Vigorito. E' una partita piacevole, le due squadre si affrontano a viso aperto, con tante conclusioni. C'è un guizzo di La Mantia con una botta al volo su cross di Lucioni e pallone a lato, poi in pieno recupero c'è Vigorito che risponde con un riflesso prodigioso a Coda dalla media distanza.

Botta e risposta - Anche nella ripresa il Lecce parte forte e Falco, particolarmente ispirato, va vicinissimo al vantaggio con un destro da buona posizione deviato in angolo da Montipò. La squadra di Liverani preme, al 17' passa: splendida triangolazione tra Falco e Mancosu che si conclude con il rasoterra imprendibile del centrocampista sardo, palo interno e pallone in rete. La gioia del Lecce dura solo 9 minuti, perchè al 26' arriva il pari di Coda che su un lancio dalle retrovie riesce a beffare Lucioni in chiusura difensiva, si invola verso Vigorito e lo fulmina con un rasoterra diagonale perfetto. A un quarto d'ora dal termine Liverani inserisce Haye per Tachtsidis, bene al debutto ma ancora lontano dalla condizione fisica ottimale per reggere novanta minuti. Finisce 1-1 e forse è giusto così, anche se resta qualche rimpianto per il Lecce che aveva assaporato il gusto dolce dei tre puntI.

TABELLINO

LECCE - BENEVENTO 1-1

Marcatori: Mancosu al 17' s.t., Coda al 26' s.t.

Lecce (4-3-1-2): Vigorito; Fiamozzi, Lucioni, Bovo, Calderoni; Petriccione, Tachtsidis (dal 31' s.t. Haye), Scavone, Mancosu (dal 45' s.t. Pettinari); La Mantia (dal 39' s.t. Palombi), Falco. (Bleve, Riccardi, Cosenza, Arrigoni, Lepore, Marino, Meccariello, Tabanelli, Venuti). Allenatore Liverani.

Benevento (3-5-2): Montipò; Volta, Antei, Di Chiara; Letizia, Del Pinto (dal 23' s.t. Buonaiuto), Tello, Bandinelli, Improta; Coda (dal 36' s.t. Asencio), Insigne (dal 43' s.t. Ricci). (Gori, Zagari, Tuia, Costa, Gyamfi, Goddard, Cuccurullo, Sanogo, Armenteros). Allenatore Bucchi.

Arbitro: Serra di Torino (Pagnotta-Baccini, IV Ufficiale Massimi).

Note: spettatori 10118, di cui 3124 paganti e 6694 abbonati, allontanato il tecnico del Lecce Liverani e il Team Manager del Lecce Vino al 45' + 3' s.t. per proteste, ammoniti Volta, Tello, Del Pinto, Mancosu e Fiamozzi, angoli 6-3, recupero 1' p.t., 4' s.t.