E' SEMPRE LIVERANI, i demeriti sono dei calciatori, i meriti suoi: "Corini farà bene grazie a mio impianto"

Giovedì 19 Novembre 2020 | Cosimo Carulli | News

PARMA - Il tecnico del Parma Fabio Liverani ha concesso all'edizione odierna della Gazzetta di Parma una lunga intervista sul suo recente passato giallorosso, sul presente e sul futuro a Parma. Ecco alcuni stralci.

Liverani e il Lecce, la storia - "Nella prima stagione in C si era creata una alchimia splendida, ma un conto è passare dalla C alla B un altro l'anno dopo dalla B alla A. Dopo la prima promozione a Lecce abbiamo cambiato 15 giocatori per essere competitivi in B, ma non puoi fare la stessa cosa arrivando in A perchè ci vorrebbero cifre fuori portata. Non per niente ogni anno due o tutte e tre delle neopromosse tornano in B. Su alcuni episodi siamo stati sfortunati, sbagliando un rigore nello scontro diretto di Genova, prendendo poi gol su autorete del portiere a una manciata di minuti dalla fine, a Cagliari dove abbiamo sciupato troppo davanti alla porta, ma anche a causa del coronavirus: sino a marzo siamo stati sempre fuori dalla lotta retrocessione, da neopromossi poi abbiamo pagato gli impegni ravvicinati e la volontà di dover completare il campionato a tutti i costi. Ma a Lecce è rimasto un impianto che consentirà loro di fare un bel campionato".