Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Posticipi, dirette tv. Pensano di PRENDERTI PER IL CULO: Lecce, salvati così spiegherai L'EQUITA' alla LEGA CALCIO

Mercoledì 4 Settembre 2019 | Cosimo Carulli | Editoriali

LECCE - Caro Lecce, salvati anche per tirare un brutto scherzo a chi ti considera la "Cenerentola" della Serie A. Che poi sono gli stessi che ti consideravano la "Cenerentola" della B. E sappiamo tutti come è andata a finire...

Credono di fare i furbi, ai piani alti della Lega Calcio di Serie A, ma c'è qualcuno come noi a cui non la danno a bere. Noi appuntiamo tutto e poi... le diciamo tutte.

Iniziamo.

Prima giornata, primo posticipo del lunedì, poco gradito da tutte le società per la complessità degli spostamenti dei tifosi, per la poca appetibilità al botteghino, sacrificato come sempre all'altare della tv. A chi lo diamo? Al Lecce. Inter-Lecce.

Seconda giornata, nessun posticipo del lunedì, così quelli con la memoria corta si saranno dimenticati della prima giornata...

Terzo turno, posticipo di lunedì 16 settembre ore 20.45, altra trasferta difficile per spostamenti, lavoro e ogni altra esigenza di un normalissimo italiano medio. A chi lo diamo? Al Lecce. Torino-Lecce.

Proseguiamo.

SKY e DAZN si dividono 7-3 le gare di ogni turno di campionato: alla fine della stagione, praticamente, il 70% delle gare sarà trasmessa dalla rete ammiraglia dello sport italiano, solo il 30% delle partite stagionali andrà sulla piattaforma britannica DAZN.

Tecnologie minori, complessità differenti nell'accesso alla visione, "costrizione" all'abbonamento a parte: beh, a chi le diamo 8 (otto!) partite su 16 in diretta su DAZN? Al Lecce che sino alla 16' giornata vedrà il 50% del totale delle sue partite trasmesse dove dovrebbe finire solo il 30% delle gare dell'intero campionato di A.

Lecce salvati, fai rosicare questi furbastri...