Il "Toro" ne fa 2 a ROSSETTINI, ma è DOMINATO DAL LECCE. Finisce l'avventura in Coppa Italia. LA CRONACA

Mercoledì 28 Ottobre 2020 | Cosimo Carulli | News

TORINO - Un buon Lecce si arrende soltanto dopo i Supplementari al Torino e lascia la Coppa Italia al Terzo Turno. Avanti con Stepinski e raggiunti da Lyanco con la solita distrazione difensiva, i giallorossi vengono puniti solo nell'extra time da una doppietta di Verdi che spinge la formazione di Giampaolo al Quarto Turno contro l'Entella in gara secca.

Gran Lecce - Corini lancia Maselli, in porta c'è Vigorito, in avanti Pettinari e Stepinski. Lecce aggressivo subito, ma al 6' rischia quando Bonazzoli cerca un pallonetto vincente solo davanti al portiere che non si fa sorprendere. I giallorossi se la giocano a viso aperto e vengono premiati al 22' con un colpo di testa perfetto di Stepinski su assist da sinistra di Mancosu.

Disattenzione - Trovato il vantaggio il Lecce concede campo: al 32' Bonazzoli conclude a botta sicura ma trova Vigorito con il piede. Non può nulla l'estremo difensore giallorosso sul colpo di testa di Lyanco del 39': su angolo di Verdi il serbo-brasiliano brucia sul tempo Rossettini, che rimane fermo, e insacca senza problemi. Si va al riposo sul pari.

Equilibrio costante - Secondo tempo con Coda per Stepinski in casa Lecce e l'ex Benevento che si fa pericoloso subito con un tiro a lato. Poi Pettinari spreca all'8' (a lato da ottima posizione su assist di Nkoulou che "regala" il pallone all'ex Trapani nel cuore dell'area). Corini ridisegna il Lecce con Paganini e Zuta, toglie Mancosu e l'impalpabile Bjorkengren, spostando Henderson trequartista. Ma il pari non si schioda si va ai Supplementari.

Doppietta - Giampaolo prova a essere più spregiudicato coi cambi, Corini inserisce Meccariello di risposta, per rinforzare gli ormeggi, ma non basta. Lucioni dopo un'indecisione di Rossettini respinge con il gomito in scivolata un tiro di Bonazzoli. Siamo in area, è rigore: Verdi dal dischetto punisce i giallorossi che tre minuti dopo regalano un 3-1 "fantozziano". Punizione per il Leccce, Calderoni prende troppa rincorsa, sul tocco di Coda si fa anticipare dalla barriera del Torino che parte in contropiede quattro contro il povero Zuta che rincorre per tutti. Edera si fa fermare dalla risposta di Vigorito, Verdi no: lo salta e scaraventa in porta per il tris finale.

TABELLINO

TORINO - LECCE 3-1

Marcatori: Stepinski al 22' p.t., Lyanco al 39' p.t., Verdi (rigore) al 4' p.t.s., Verdi al 7' p.t.s.

Torino (4-3-1-2): Milinkovic-Savic; Singo, Nkoulou, Lyanco, Murru (dal 21' s.t. Lukic); Ansaldi (dal 44' s.t. Rincon), Segre (dal 44' s.t. Rodriguez), Linetty (dal 21' s.t. Meité); Gojak (dal 4' p.t.s. Edera); Bonazzoli, Verdi. (Samir, Rosati, Bremer, Vojvoda, Vianni, Buongiorno). Allenatore Giampaolo.

Lecce (4-3-1-2): Vigorito; Adjapong (dal 6' p.t.s. Meccariello), Lucioni, Rossettini, Calderoni; Henderson, Maselli, Bjorkengren (dal 26' s.t. Zuta); Mancosu (dal 26' s.t. Paganini); Pettinari (dal 1' s.t.s. Lo Faso), Stepinski (dal 1' s.t. Coda). (Bleve, Gabriel, Gallo, Dubickas, Gianfreda). Allenatore Corini.

Arbitro: Piccinini di Forlì (Lombardo-Trinchieri, IV Ufficiale Colombo).

Note: ammoniti Bjorkengren, Henderson, Gojak, Maselli, Lucioni, angoli 5-10, recupero 1' p.t., 3' s.t., 1' p.t.s., 0' s.t.s.