Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

La Lega Calcio dice SI' AI RECUPERI. Anche perchè non ci sono norme sulla sospensione dei campionati...

Mercoledì 4 Marzo 2020 | Cosimo Carulli | News

MILANO - E' in corso il Consiglio di Lega della Lega Calcio di Serie A che darà il via libera al calendario dei recuperi del camponato non disputati nell'ultimo fine settimana per l'emergenza coronavirus in Italia.

Si deve giocare per forza, vi spiegheremo in coda perchè: sostanzialmente perchè non ci sono norme che regolamentano una interruzione anticipata del campionato.

Ma torniamo all'attualità (FOTO SOPRA IL GESTO TECNICO DI SAPONARA DOMENICA CON L'ATALANTA, AL MOMENTO DEL GOL).

Secondo quanto trapela tutte le gare saranno disputate a porte chiuse, pure Juventus-Inter, anche per recepire con qualche ora di anticipo lo scenario che sta preparando il Governo Conte con il prossimo Decreto sull'emergenza.

L'esecutivo nazionale ha ricevuto sul tavolo del Consiglio dei Ministri la proposta del Comitato Tecnico Scientifico sull'emergenza coronavirus, per cui occorre "evitare per 30 giorni manifestazioni, anche sportive, che comportino affollamento di persone e il non rispetto della distanza di sicurezza di almeno un metro".

Campionato fermo un mese, dunque, oppure porte chiuse per tutti, Lecce compreso (il provvedimento del Governo non avrà carattere territoriale, ma considererà in pericolo tutte le regioni italiane, anche la nostra).

Curiosità: nel nuovo statuto federale, in vigore da un bel po' di anni e oramai concepito con la logica che non ci sarebbero state guerre mondiali o situazioni di pericolo nazionale per considerare l'evenienza di sospendere un campionato di calcio, non esiste nessuna norma che allo stato regolamenti la Serie A qualora venisse sospesa definitivamente.

Tutte "fake news" quelle in giro su ogni genere di testata per cui varrebbe questa o quella classifica, l'andata perchè completa o l'ultima giornata utile giocata integralmente. Niente, tutte fesserie.

Di fatto anche la FIGC dovrebbe essere chiamata, in quel caso, a decidere il da farsi in materia di Scudetto, qualificate alle competizioni europee, Coppa Italia, promosse e retrocesse. Un bel guaio, evitabile solo tornando in campo...