Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Il Lecce fa la "FESTA" alle giovanili. C'era SoloLecce.it. L'INTERVISTA A STICCHI DAMIANI

Domenica 17 Giugno 2018 | Matteo Bottazzo | Settore Giovanile

VERNOLE - Appuntamento da non perdere per chi ha seguito il cammino del settore giovanile del Lecce in maniera costante come noi di SoloLecce.it.

Ieri pomeriggio sullo splendido sfondo del Parco Regionale delle Cesine, a Tenuta Santacuti, tutto il settore giovanile giallorosso è stato festeggiato dalla dirigenza per l'appuntamento classico di fine anno. C'era anche SoloLecce.it che per voi ha intervistato il Presidente del Lecce Saverio Sticchi Damiani, con qualche domanda sul futuro dei giovani ma anche dei "grandi"... Ecco le sue parole (NELLE FOTO SOPRA E SOTTO I RAGAZZI DEL SETTORE GIOVANILE DEL LECCE, LO STAFF TECNICO DI TUTTE LE RAPPRESENTATIVE, IL PRESIDENTE SAVERIO STICCHI DAMIANI E IL RESPONSABILE DELLE GIOVANILI ROBERTO ALBERTI).

Settore giovanile - "Abbiamo giustamente festeggiato i nostri ragazzi che hanno fatto un grande lavoro in questa stagione in cui ci siamo tolti tante soddisfazioni, è andato tutto bene anche sotto questo punto di vista. Andiamo fieri delle nostre ragazze dell'Under 12, la prima formazione femminile in oltre 110 anni di storia del Lecce. Ci apprestiamo a trasferirci nella nuova casa del centro sportivo alle porte di Cavallino: speriamo possa essere viatico di risultati ancora migliori".

Prospettive - "Vogliamo consolidarci in questa categoria, un campionato che sarà durissimo. Ci arriviamo con prudenza, umiltà, ma anche con il coraggio che caratterizza questa società. Sappiamo che ci saranno delle difficoltà, affronteremo una categoria con squadre allestite per andare in Serie A, ma la nostra intenzione è farci trovare pronti e regalare altre soddisfazioni ai nostri tifosi. Solo una volta raggiunta la salvezza potremo pensare ad altro".

Mercato - "Allestiremo una squadra che faccia divertire i tifosi, in grado di giocare un calcio di maggiore qualità, magari consentendo a tanti giovani di mettersi in mostra con la nostra maglia. Ragazzi di talento, forti, che in un contesto di Serie B sono disponibili a confrontarsi rispetto che in Serie C".