Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

La maggioranza di Salvemini al Lecce: "non paga la convenzione e le luci spettano a loro"

Sabato 4 Agosto 2018 | La Redazione | News

LECCE - Cartellino rosso per il Lecce.

Ad estrarlo è il Consigliere Comunale di "Lecce Città Pubblica" Gabriele Molendini, elemento della maggioranza che si è sempre distinto per una certa vicinanza ai temi dello sport e del Lecce, di cui è tifosissimo, ma che non disdegna qualche stilettata in casa giallorossa, per difendere le ragioni dell'Amministrazione Comunale e dei bilanci dei contribuenti leccesi. Ecco il contenuto della sua nota che in queste ore non mancherà di riaprire fortemente il dibattito.

La nota di Molendini - "L'Unione Sportiva Lecce è a conoscenza da ottobre del concerto dei Negroamaro e lo ha assentito: nessuna installazione di palchi, amplificazioni ed altre attrezzature è possibile senza il consenso del concessionario come recita la convenzione. Avesse inteso farlo la società avrebbe potuto porre dei veti. Pochi immaginano che l'Amministrazione Comunale non ha incassato niente dalla concessione dello stadio per il concerto. Il Lecce ha introitato 30mila Euro, stessa cifra incassata per Inter-Lione: solo in questa ultima partita il Comune ha avuto 5mila Euro. Questi i fatti. Il bene pubblico stadio dato in concessione al Lecce ha visto il concessionario provvedere all'allestimento dell'impianto di illuminazione non perchè fosse guasto (sarebbe toccato al Comune), ma per esigenze televisive legate alla Serie B. Giacchè i relativi proventi sono competenza del Lecce trovo naturale che l'adeguamento sia stato sostenuto dalla società. Il manto erboso, invece, verrà ripristinato. Vorrei inoltre sgomberare il campo da ricostruzioni fantasiose sui soldi che il Comune incasserebbe dal Lecce: sento parlare di 300, 400mila Euro. La realtà è che la convenzione prevede che il Lecce versi l'1% degli incassi da biglietteria stadio e il 2% degli introiti pubblicitari. Percentuali che mi sembrano molto contenute. A fronte di ciò ho chiesto agli uffici di verificare quanto sia stato versato nel corso di questi anni a fronte dell'utilizzo del bene pubblico stadio. Apprendo che non sarebbe stato incassato alcunché".