Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

IL TEMA: è un Lecce DOPPIO, TRIPLO. Scelte infinite, elementi in forma. Come è dura essere Liverani...

Martedì 20 Novembre 2018 | La Redazione | News

LECCE - Ora che la sosta ha rimesso a disposizione di Liverani tutte le scelte possibili per la difesa (soprattutto), in attesa di rivedere all'opera il talento di Riccardi che ha iniziato a lavorare con il gruppo dopo il tremendo infortunio ai legamenti, ora che tutto sta tornando al suo posto questo Lecce ci piace sempre di più. E sta seriamente diventando una squadra doppia, tripla, con una vastità e varietà di scelte che possono far ben sperare.

Chi vedremo con la Cremonese al centro della difesa, Lucioni e Bovo? E Meccariello, abilissimo tecnicamente, molto funzionale al concetto tattico di difensore abile nell'impostare la ripartenza offensiva, dove lo mettiamo? E Marino che sta infilando una sopra l'altra prestazioni di grandissimo livello? E l'esperienza di Cosenza? E la solidità di Calderoni ritroverà la maglia da titolare dopo le prestazioni di Venuti? E lo stesso Venuti potrà riprendersi la destra dopo le prove convincenti di Fiamozzi e con Lepore che alle spalle scalda i motori? Insomma, è un Lecce super, secondo il grafico che abbiamo messo in campo (FOTO SOPRA), proprio per darvi l'idea di quante opportunità ha il mister giallorosso per fare sempre la scelta migliore.

Senza dimenticarsi di un certo Falco davanti, recuperato pienamente: già, ma come si fa a togliere da quella posizione un Mancosu devastante in questo avvio di stagione? E come si fa a riportare il sardo sulla linea dei centrocampisti dove è fiorito Tabanelli con Petriccione e gli altri e dove c'è sempre un Arrigoni sontuoso nella vittoria di Cosenza?

Quanti bei problemi..., per il nostro allenatore...