10 o 20 SOTTOSVILUPPATI tengono sotto scacco morale CASARANO: che figuraccia non dirsi salentini

Sabato 12 Settembre 2020 | Cosimo Carulli | Editoriali

CASARANO - Premessa che dovrebbe far riflettere. Essere collocati in una terra, in un contesto, esserne radicati è orgoglio minimo (minimo) di qualunque persona faccia funzionare il cervello. E' questione proprio di globuli rossi o bianchi, ce l'hai dalla nascita: parti con il legame al seno materno, poi con entrambi i genitori, i nonni, via via sviluppi una intelligenza e ti leghi ai ricordi, alla tua casa, agli amici, ai compagni di vita, alla moglie o al marito e al tuo contesto.

Essere figli del niente vuol dire appunto questo: essere figli del niente, sottosviluppati, trogloditi, per lo più infinita minoranza, sputo puzzolente in un mare di acqua limpida.

E questo sputo puzzolente, dieci o venti decerebrati figli del niente, si dicono "non salentini" e scomodano la parola "odio": sono una frangia minuta, risicata del tifo del Casarano calcio, che oramai da quasi trent'anni va inscenando una rivalità inesistente tra la loro splendida città e Lecce.

Lecce che nei giorni scorsi (FOTO SOTTO) ha reso omaggio con la seconda maglia a tutti i comuni del Salento, annunciando di volerli portare sulla maglia ufficiale in giro per la Serie B 2020/2021.

Apriti cielo, prima una gazzarra sui social, poi una serata tra fumogeni e striscioni (FOTO SOPRA) per ribadire "odio" (si avete letto bene, "odio") verso il capoluogo di provincia.

Che poi bisognerebbe capire quale sarebbe questo diritto di proprietà sul nome "Casarano" rivendicato dagli ultras o dalla stessa squadra di calcio: Casarano è prima un Comune o una squadra di calcio? Il suo è il nome di una porzione di territorio del Salento o è copyright di una Curva? A quale Camera di Commercio hanno registrato il "brand" Casarano gli ultras dell'omonima squadra? Non si può nominare il nome di una città di persone per bene, pena il pagamento di qualche diritto di immagine a quattro scemi?

Incredibile. Il trionfo dell'ignoranza.

Quanto di più retrogrado e sinonimo di sottosviluppo culturale tutto in una volta, in una posizione di un manipolo di teste vuote che tiene sotto scacco morale una città che contro Lecce non ha nulla. Da restare sgomenti.